puls torna su
WEEKEND TUTTI GLI EVENTI DOVE QUANDO MAPPA
Bimbi Cinema Consigliati Corsi Cucina Cultura Disco
Mercatini Musica Sagra Spettacolo Sport Offerte I nostri comuni
Eventi Ospitalità Buona Cucina
Stai visualizzando > Un Evento In Particolare

FESTIVAL DELLA CULTURA MEDITERRANEA

Giovedi 20 Luglio 2017

Sanremo


FESTIVAL DELLA CULTURA MEDITERRANEA Sanremo

Solea - FESTIVAL DELLA CULTURA MEDITERRANEA
DAL 20 AL 23 LUGLIO 2017
FORTE DI SANTA TECLA e EX CHIESA DI SANTA BRIGIDA

Solea è il titolo dell'ultimo libro della trilogia di Jean-Claude Izzo, scrittore marsigliese dalle origini campane. Solea è anche un brano di Miles Davis che fonde il linguaggio jazzistico con evidenti influenze flamenche.

Ci pareva un nome rappresentativo per il progetto Solea- festival della cultura mediterranea che nasce a Sanremo per unire elementi diversi eppure molto intrecciati: il Mare Nostrum come approdo e incontro tra culture diverse, il dialogo e la condivisione come fecondo elemento di arricchimento e crescita; lo scenario, la storia, la luce delle città di mare come luogo ideale per raccontare vicende umane appassionanti, il noir come genere che ha ispirato tanti narratori…Insomma un felice connubio di suggestioni capace di generare un festival che trova a Sanremo perfetto scenario nelle sue location “antiche che diventano nuove”.

Enclave mediterranea, Sanremo ha sempre generato grande passione e interesse in una frequentazione che non si potrebbe immaginare più trasversale. È un’anima, la sua, propria di una terra di incontro.
Questo spirito accompagna l’iniziativa in programma da giovedì 20 a domenica 23 luglio al Forte di Santa Tecla, luogo di grande fascino recentemente restaurato e riconquistato come patrimonio cittadino.

Il festival, che raccoglie l'eredità di Caffè Venezuela, rassegna letteraria proposta nelle estati sanremesi dal 2011 al 2016, è organizzato dalla CMC/Nidodiragno Produzioni di Sanremo ed è realizzato con il contributo di Comune di Sanremo -Assessorato al Turismo, Cultura e Manifestazioni, di MIBACT Polo Museale della Liguria e Casinò di Sanremo, e con il patrocinio della Regione Liguria.

Per la quattro giorni di Solea le due sale di Santa Tecla diventeranno scenario per reading, incontri, spettacoli teatrali, letture in un dialogo tra linguaggi che vuole essere colto e popolare allo stesso tempo. Non il semplice incontro con il nome di rilievo, ma una vocazione performativa e artistica, andando oltre la “sola” parola, sviluppata con tanti protagonisti italiani ed internazionali.

Il programma giovedì 20 luglio apre con un incipit simbolico cui teniamo molto. È la parola di Giuseppe Conte a dare il nostro benvenuto. Una presenza densa di significati. Per la sua appartenenza ligure, per il suo lavoro così vicino ai valori del Mediterraneo che Solea vuole difendere e promuovere. Angelo Giacobbe, direttore artistico del festival, andrà introducendolo in questo viaggio ideale.

È significativo che l’appuntamento previsto nella stessa giornata del 20 luglio sia dedicato ad una poetessa che rappresenta un paese lontano eppure vicino come la Siria, Maram al-Masri. Tanto più pertinente perché è stato lo stesso Conte a curare la prefazione della edizione italiana di “Ti guardo”. Maram vive a Parigi, ma della Siria sa raccontare il grido dolente e la sua vibrante poetica. È la più importante poetessa contemporanea del suo Paese. A lei è dedicato lo spettacolo Anime Scalze prodotto dal Teatro della Tosse e portato in scena dall’attrice Sara Bertelà con musicisti italiani e siriani. Un lavoro di grande valore che ha debuttato recentemente al Napoli Teatro Festival.
Sarà lo scrittore marsigliese Jean-Claude Izzo al centro dello spettacolo ideato da Stefania Nardini, curatrice della biografia italiana di Izzo, in programma venerdì 21 luglio alle 19 che porta in scena musicisti marsigliesi e la cantante algerina Mona.

Una breve pausa ed il festival ci regala lo stesso 21 luglio uno spettacolo al debutto assoluto. Si intitolo “Lo stesso mare” e vede protagonista un volto di grande significato del cinema, della tv e del teatro italiano, Alessio Boni, chiamato ad interpretare un excursus nella poesia più rappresentativa del Mediterraneo, da Umberto Saba a Mahmoud Darwish accompagnato da tre musicisti.

Ancora Izzo nella nostra lente di ingrandimento questa volta attraverso le parole di una serie di scrittori che, sabato 22 luglio, intervengono nel talk show a lui dedicato: saranno noiristi di varia estrazione come Andrea G. Pinketts, Andrea Carlo Cappi, Pasquale Ruju e Giancarlo Narciso e la stessa Stefania Nardini, per la moderazione di Marco Vallarino. A loro il compito di tracciare un filo rosso tra Marsiglia e la città di Sanremo, tra la Liguria e il Golfo del Leone.
Da Izzo allo scrittore sanremese Italo Calvino cui si vuole dedicare un focus ogni edizione di Solea. Lella Costa racconta il suo incontro con le pagine di Calvino. Una folgorazione adolescenziale che è rimasta e consolidata nel tempo. Lella Costa interpreterà anche brani di opere legate a Sanremo, leggendo pagine tratte da Il sentiero dei nidi di ragno, da racconti dalle radici sanremesi come Un bastimento carico di granchi o Un pomeriggio Adamo (che vede protagonista Libereso Guglielmi, indimenticato giardiniere di casa Calvino, da poco scomparso), fino a Le città invisibili.
Chiude Solea, domenica 23 luglio, Massimiliano Virgilio, scrittore napoletano destinato ad un crescente successo. La sua Napoli è sfondo di vicende umane appassionanti ed affreschi vividi della nostra società nel romanzo L’americano (Rizzoli).

Sabato 22 e domenica 23 luglio (dalle ore 10.30 alle 14.30) il festival Solea si sposta nel cuore storico di Sanremo, negli spazi dell'ex Chiesa di Santa Brigida nel quartiere della Pigna, per un laboratorio di tamburi a cornice e percussioni curato da Simone Campa della compagnia La Paranza del Geco di Torino e realizzato in collaborazione con l'Ass. Pigna Mon Amour. La partecipazione al laboratorio è gratuita.

Si attendono presenze di pubblico non solo ligure, ma anche dalle vicine regioni nella possibilità di pianificare un weekend estivo in una località balneare che offra anche spettacoli e approfondimenti inusuali. La programmazione così ispirata a Marsiglia, poi, attrarrà, ne siamo certi, anche pubblico dalla vicina Francia, anche grazie al linguaggio “senza frontiere” della musica presente in tanti momenti della rassegna.
Quello del 2017 è il primo passo di un festival che nasce per imporsi nel panorama nazionale ed internazionale con molteplici implicazioni e traguardi: valorizzare l’immagine di Sanremo come luogo di offerta culturale qualificata; sviluppare un elemento attrattivo capace di richiamare quel turismo culturale che sappiamo poter fare la differenza; offrire nel cuore dell’estate una occasione di incontro, arricchimento e spettacolo per turisti oltre che per residenti; valorizzare alcune peculiarità sostanziali della nostra terra in merito a bellezza paesaggistica, storiche relazioni con la letteratura volta a decantare i nostri luoghi; interessare le relazioni con altre culture.

La programmazione del festival si articola, nei primi tre giorni, in due momenti di incontro: uno tardo pomeridiano alle ore 19 e quello serale alle 21.15.

Nella pausa ci sarà spazio per un aperitivo reso possibile da CNA-Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa Associazione Provinciale di Imperia, che proporrà ai presenti prodotti del territorio.

Organizzazione:
CMC/Nidodiragno Produzioni
via Roma 128 Sanremo – tel. 0184544633 – staff@cooperativacmc.com
Direttore artistico: Angelo Giacobbe

PROGRAMMA:

GIOVEDÌ 20 LUGLIO 2017
Forte di Santa Tecla, Sanremo
ore 19.00
APPRODI D'AUTORE: incontro con GIUSEPPE CONTE
Ingresso gratuito

ore 21.15
“ANIME SCALZE”
spettacolo dalle poesie di Maram al-Masri
con Sara Bertelà, e con Elisabetta Mazzullo, Mirna Kassis, Salah Namek

A seguire: incontro con MARAM AL-MASRI
Ingresso euro 5

VENERDÌ 21 LUGLIO 2017
Forte di Santa Tecla, Sanremo
ore 19.00
“MEDITERRANEO-MUSICA E PAROLE DALLA MARSIGLIA DI IZZO”
spettacolo di e con Stefania Nardini
e con Mona, Patrick Cascino, John Massa
Ingresso euro 5

ore 21.15
“LO STESSO MARE”
con ALESSIO BONI
e con Celeste Gugliandolo, Alessandra Osella, Simone Campa
Ingresso euro 15


SABATO 22 LUGLIO 2017
Forte di Santa Tecla, Sanremo
ore 19.00
DESTINAZIONE MEDITERRANEO: TALK SHOW JEAN-CLAUDE IZZO
Interventi di Stefania Nardini, Andrea G. Pinketts, Andrea Carlo Cappi, Pasquale Ruju, Giancarlo Narciso
Ingresso gratuito

ore 21.15
FOCUS CALVINO: incontro reading con LELLA COSTA
Ingresso euro 15

DOMENICA 23 LUGLIO 2017
Forte di Santa Tecla, Sanremo
ore 18.00
APPRODI D'AUTORE: incontro con MASSIMILIANO VIRGILIO
Dialogo su “L'americano“ (Rizzoli)
Ingresso gratuito

----------------------------------------------------------------------
EVENTI OFF:
Ex Chiesa di Santa Brigida, centro storico della Pigna
SABATO 22 E DOMENICA 23 LUGLIO 2017
ore 10.30 – 14.30
BATTITI DI MARE
Laboratorio di tamburi a cornice e percussioni tradizionali di Mediterraneo
a cura di Simone Campa, La Paranza del Geco
La partecipazione è gratuita
IL PROGRAMMA

GIOVEDÌ 20 LUGLIO 2017
Forte di Santa Tecla, Sanremo

ore 19.00
APPRODI D'AUTORE
Dalla Liguria per partire nel lungo viaggio del Festival
Incontro con GIUSEPPE CONTE

Da un incontro con il poeta e scrittore trapiantato a Sanremo molliamo gli ormeggi e salpiamo idealmente
verso un grande viaggio nel Mediterraneo, il viaggio di Solea.
Perchè Conte? Ci piace pensare a Giuseppe Conte come pater familias della rassegna. Per tanti motivi.
Conte è erede riconosciuto di una tradizione poetica ligure che ha avuto in Montale, Sbarbaro Novaro, Caproni vette strepitose nel Novecento. Ha saputo raccontare la nostra terra con struggente lirismo, portandola ben oltre i confini.
E quindi lui, più di altri, può oggi, rappresentarla nel nostro periplo ideale. Non solo.
Conte è stato chiamato ad introdurre nell'editoria italiana tanti poeti di altri paesi affacciati al Mediterraneo. Come Maram al-Masri entrata nell'orizzonte azzurrissimo della prima edizione di Solea.
L'incontro consentirà di avvicinare lo sguardo di Conte al Mediterraneo ed interrogarlo per avere le rotte sulle quali muoversi nella nostra navigazione. Può oggi la poesia disegnare incontri tra le varie anime del nostro mare? Quali sono i più interessanti fermenti di una onda letteraria così felicemente contaminata, divisa eppure vicinissima?
Ingresso gratuito

Ore 21.15
E la Siria creò la parola Europa...
“ANIME SCALZE”
spettacolo dalle poesie di Maram al-Masri
regia, voce narrante, coordinatrice del progetto Sara Bertelà
e con Elisabetta Mazzullo – (voce, pianoforte, oboe e percussioni)
Mirna Kassis -cantante siriana (voce)
Salah Namek – musicista siriano (violoncello e kabak kemane)
compositore e coordinatore musicale Arturo Annecchino
produzione Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse
drammaturgia Danilo Macrì

Un recital sulle poesie, o intorno alle poesie, di Maram al-Masri. Anime Scalze è la voce di una donna che vive il suo stare al mondo con dolore; che nei versi della poetessa siriana Maram al-Masri trova una via d’uscita e dinanzi ad essi si inchina come un’anima scalza.
Lo spettacolo interpretato da una attrice teatrale molto apprezzata e pluripremiata coma Sara Bertelà insieme a tre musicisti italiani e siriani (Elisabetta Mazzullo, Mirna Kassis, Salah Namek) è un viaggio. Un viaggio al presente di un Oriente di cui conosciamo quanto ci riportano le cronache recenti; un presente arcaico, visto dalla nostra latitudine, i cui temi sono universali: il dolore, ma anche la dignità e la volontà di resistere e vivere liberi, la gioia e persino l’umorismo. O il sogno.
«È la semplice voce di un’anima, sempre sull’orlo di una metamorfosi: da ombra di un personaggio a personaggio in ombra. Tra il suo racconto e le poesie che vengono recitate si crea un effetto d’eco, sottolineata in scena dal sovrapporsi delle tre voci femminili, a volte in lingue diverse. Ci sono i rimbombi della guerra. I legami spezzati. (…) Ma c’è anche l’amore in al-Masri», spiegano Bertelà e Macrì.
«Diventare l’altro, parlare di un cittadino ordinario che diventa straordinario grazie ai suoi sentimenti; questa è la virtù della poesia: trasformare i lettori in esseri straordinari». Così sottolinea la stessa poetessa al-Masri.

A seguire:
incontro con MARAM AL-MASRI

Una straordinaria protagonista della poesia contemporanea. La sua poesia sensuale (“Ti guardo”) ha scandalizzato il mondo arabo tradizionalista prima di passare ad una poesia che racconta il dolore delle donne e la violenza subita.
Impegnata nei movimenti di liberazione della Siria ha scritto il libro “Arriva nuda la libertà” dedicato al suo popolo e alla sua ricerca della libertà. Nelle sue opere troviamo come scrive Giuseppe Conte “un intreccio inscindibile di bellezza e sofferenza, come solo i poeti al mondo sono capaci di sopportare….”.
“La poesia - dice Maram- ci permette di salvare anche quello che è brutto nelle nostre vite, anche il dolore”. Il dolore, nelle poesie di al-Masri, ha molti volti. Ha le sue tappe e le sue occasioni. Ci sono gli echi della guerra. I legami spezzati. Il rapporto uomo donna nei suoi lati più svilenti. Ed è un dolore che sembra sempre sepolto in un presente che sta là, in quei posti lontani: un presente arcaico.
Conduce l'incontro Sherif El Sebaie, docente del corso di lingua e cultura araba al Politecnico di Torino

Ingresso euro 5


VENERDÌ 21 LUGLIO 2017
Forte di Santa Tecla, Sanremo

ore 19.00
Marsiglia: suggestione di mille città
“MEDITERRANEO-MUSICA E PAROLE DALLA MARSIGLIA DI IZZO”

spettacolo di e con Stefania Nardini
e con Mona (voce)
Patrick Cascino (piano)
John Massa (sax)
Gli intrecci musicali del Mediterraneo miscelati nel suono delle lingue. Arabo, andaluso, francese, italiano, spagnolo per restituire identità a una cultura che non è differenza, ma mosaico fiorito da un’antica identità. Il Mediterraneo non è una cartolina, ma non è neanche morte, è un mare che abbraccia una civiltà. Tutto questo sarà Mediterraneo - Musica e parole dalla Marsiglia di Izzo, recital ideato da Stefania Nardini (autrice della biografia di Izzo edita dalle edizioni E/O), compendio di letture tratte dalla produzione di Jean-Claude Izzo, accompagnate dalla musica.
Protagonista è Marsiglia, la città baciata dal mito, nata da un incontro tra un marinaio della Focide e la principessa ligure Gypsi, è da sempre il simbolo di culture che si sono fuse, una “madre” che ha aperto le braccia a quei figli fuggiti dalla fame e dall’oppressione per inseguire il diritto di stare al mondo. Anche questo recital nasce da un incontro. Quello tra Stefania Nardini, scrittrice italiana e marsigliese di adozione, l'algerina Mona, che con la sua voce restituisce al pubblico le parole del mare, Patrick Cascino, pianista e compositore che interpreta l’emozione, e John Massa che libera la passione col suo sax.
Un incontro che si regge sul filo conduttore che unisce i quattro artisti: Jean-Claude Izzo, lo scrittore marsigliese considerato il padre del noir mediterraneo. A lui e alla sua Marsiglia si ispira lo spettacolo, attraverso il racconto di una città orgogliosamente meticcia, attraverso la sua poetica e la musica da lui amata.
Mediterraneo miscela la lettura di brani con composizioni musicali, alcune reinterpretate in chiave mediterranea. I brani musicali sono quelli della compilation personale dello scrittore marsigliese in un intreccio di arabo, francese, napoletano, italiano.
Ingresso euro 5


ore 21.15
Viaggio nel Mare Nostrum tra prole e musica
“LO STESSO MARE”
con ALESSIO BONI

PRIMA NAZIONALE
e con Celeste Gugliandolo (voce)
Alessandra Osella (fisarmonica)
Simone Campa (chitarra e percussioni)
Consulenza letteraria di Giuseppe Conte
Un grande protagonista della scena cinematografica e televisiva, attore molto amato dal pubblico, Alessio Boni è in scena per raccontarci il suo Mediterraneo attraverso un viaggio appassionante di luoghi e di epoche. Storie di miti e leggende. Di angiporti malavitosi e di distese marine luccicanti. Di amori speziati dalla salsedine e di viaggi della speranza.
Una navigazione ideale quella dell'attore che ha interpretato Ulisse in una fortunata fiction RAI, fatta di prosa e poesia, attraverso le parole dei grandi autori del Novecento – Giuseppe Ungaretti, Eugenio Montale, Aldo Palazzeschi, Umberto Saba e Salvatore Quasimodo, Federico García Lorca, Charles Baudelaire e Paul Valéry – fino alla Grecia di Konstantinos Kavafis ed al medio oriente di Adonis. I versi del grande poeta palestinese Mahmoud Darwish s'intrecciano alle architetture fantastiche delle “città invisibili” di Italo Calvino, e alle parole di Giuseppe Conte per un itinerario lungo le rotte e le correnti dell'antico Mare Nostrum, tra memoria e futuro. Un vibrare intenso e multiforme che avrà la sua contaminazione musicale di tre professionisti quali Simone Campa (chitarra e percussioni), Celeste Gugliandolo (voce) e Alessandra Osella (fisarmonica) spaziando dalle canzoni di Franco Battiato, Gianmaria Testa alla voce di Sicilia Rosa Balistreri al canto lusitano di Dulce Pontes alla musica tradizionale dei Balcani, tra gli echi del deserto nella musica della Turchia.
Ingresso euro 15

SABATO 22 LUGLIO 2017
Forte di Santa Tecla, Sanremo
ore 19.00
DESTINAZIONE MEDITERRANEO:
TALK SHOW JEAN-CLAUDE IZZO

Una serata evento con noiristi e conoscitori dell’opera di Izzo. Una serata volta a rendere omaggio ad una figura rappresentativa della mediterraneità a più livelli tanto da voler utilizzare il titolo di una sua opera per battezzare l'intera rassegna sanremese.
Izzo intreccia le parole al Mare Nostrum con uno sguardo attuale e acuto. Ha raccontato prima di altri gli intrecci multiculturali delle nostre città.
Per il suo percorso di giornalista di inchiesta attento a difendere i diritti delle fasce deboli.


Interventi di:
Stefania Nardini
Curatrice della biografia romanzata di Izzo Storia di un marsigliese. A sua volta scrittrice ( il suo romanzo Alcazar è ambientato a Marsiglia sul finire degli anni ’30) e giornalista.

Andrea G. Pinketts
Ha firmato due romanzi ambientati in Liguria: Nonostante Clizia e Fuggevole Turchese. Funambolo della parola, opinionista televisivo è grande conoscitore del mondo noir in tutte le sue sfumature.

Andrea Carlo Cappi
Vive attualmente tra l’Italia e Barcellona, ben interpretando uno spirito autenticamente mediterraneo.

Pasquale Ruju
Sta per uscire con E/O Editore un noir mediterraneo. Personalità letteraria eclettica, è anche fumettista e doppiatore.

Giancarlo Narciso
Pluripremiato con i romanzi I guardiani di Wirikuta, Sankhara (finalista Premio Scerbanenco) e Le zanzare di Zanzibar, Singapore Sling (vincitore Premio Tedeschi e soggetto del film Rai "Belgrado Sling"). Ha firmato per Mondadori una serie di romanzi di spionaggio ambientati a Singapore.
Conduce Marco Vallarino, scrittore e giornalista de Il Secolo XIX e Libero.
Ingresso gratuito

ore 21.15
FOCUS CALVINO
Intorno alla Casbah di Italo.
Chiacchiere e letture con LELLA COSTA

Un incontro “intorno” ad Italo Calvino con Lella Costa, attrice ed intellettuale che ha sempre avuto nello scrittore sanremese uno dei suoi primi riferimenti.
Intervistata da Angela Calvini, inviata del quotidiano Avvenire, Lella Costa darà voce al suo innamoramento letterario per l’autore de Il barone Rampante. Lo farà con una chiacchierata informale, ma anche leggendo pagine tratte da Il sentiero dei nidi di ragno, da racconti dalle radici sanremese come Un bastimento carico di granchi o Un pomeriggio Adamo (che vede protagonista Libereso Guglielmi indimenticato giardiniere di casa Calvino, da poco scomparso), fino a Le città invisibili con il loro universo immaginifico e straordinario.
Una serata divertente e di contenuto allo stesso tempo: una cavalcata nell’universo di Calvino filtrato attraverso la verve e lo sguardo acuto ed ironico di una grande protagonista del teatro e della cultura.
Focus Calvino nelle nostre intenzioni sarà un evento fisso anche delle prossime edizioni di Solea. Ogni anno con un protagonista diverso.
Conduce Angela Calvini, inviata del quotidiano Avvenire, talento sanremese affermatasi in ambito nazionale.
Ingresso 15 euro


DOMENICA 23 LUGLIO 2017
Forte di Santa Tecla, Sanremo
ore 18.00
APPRODI D'AUTORE:
incontro con MASSIMILIANO VIRGILIO
Dialogo su “L'americano” (Rizzoli)

Quello che Goffredo Fofi aveva già definito “il migliore scrittore napoletano in circolazione” chiude la prima edizione di Solea.
Scrittore, giornalista e sceneggiatore, Massimiliano Virgilio vive a Napoli e dal cuore di Napoli trae ispirazione per le sue pubblicazioni.
Con lui si viaggerà nel cuore pulsante della città partenopea in un ideale parallelismo con la Marsiglia di Jean-Claude Izzo.
La sua Napoli è tuttavia quella che è scenario, ma non protagonista ne L’americano (Rizzoli) ultimo romanzo. Un luogo e non di un luogo comune in pratica.
Il romanzo racconta un’amicizia, quella tra Marcello e Leo, rispettivamente figlio di un impiegato del Banco di Napoli, e erede di un luogotenente di camorra chiamato, appunto L’americano. Da questo incontro-scontro nasce un legame che, con alterne fortune, durerà un trentennio (dal 1984 al 2014) senza contare alcuni flashback che illuminano gli anni Settanta.
“Nelle sue pagine – si legge nella seconda di copertina - l’autore disegna un ritratto impetuoso dell’ultimo trentennio italiano, in cui la violenza e le passioni si scontrano con il desiderio più intimo di trovare il proprio posto in un mondo che non si è scelto. Questo è un libro inaspettato, il romanzo rivelatore di cosa significhi sentirsi smarriti. Ma è anche la grande storia di chi si ritrova”.
Massimiliano Virgilio ha esordito nel 2008 con il romanzo Più male che altro (Rizzoli), finalista al Premio Zocca e al Libro Fahrenheit dell'anno. Nel 2009 ha pubblicato per Laterza il libro Porno ogni giorno. Viaggio nei corpi di Napoli. È redattore della trasmissione radiofonica Zazà su Rai Radio3.
Conduce l'incontro Marco Vallarino, scrittore e giornalista de Il Secolo XIX e Libero.
Ingresso gratuito
EVENTI OFF

Ex Chiesa di Santa Brigida, centro storico della Pigna
SABATO 22 E DOMENICA 23 LUGLIO


BATTITI DI MARE
LABORATORIO DI TAMBURI A CORNICE E PERCUSSIONI TRADIZIONALI DEL MEDITERRANEO
a cura di Simone Campa
in collaborazione con Pigna Mon Amour

La partecipazione è gratuita

Battiti di Mare è il titolo di uno stage di tamburi a cornice curato da Simone Campa con approfondimento su strumenti così come utilizzati nella tradizione musicale mediterranea, quali bendir del Maghreb; duff e riq in Egitto; tef in Turchia; defi in Grecia; tamorra a Napoli; tamburreddhu in Salento.
Il laboratorio si svolge nelle giornate di sabato 22 e domenica 23 luglio nella ex Chiesa di Santa Brigida dalle ore 10.30 alle 14.30, ed è realizzato in collaborazione con Pigna Mon Amour.
Simone Campa è fondatore e attuale direttore artistico de La Paranza del Geco, la più importante Compagnia Artistica del Nord Italia attiva nella rappresentazione e nella salvaguardia delle tradizioni popolari musicali e coreutiche dell’Italia del Sud e del Mediterraneo.

Qualche consiglio...
_