Chiudi close popup

Scopri l'app RivieraEventi su Google Assistant Google Assistant Riviera Eventi

puls torna su

Le ricette della pagina sono state inviate dagli utenti che utilizzano Rivieraeventi.it; inviateci una ricetta "tipica della nonna" e del territorio ligure e una vostra foto al nostro indirizzo: eventi@rivieraeventi.it e la troverete pubblicata entro 7 giorni

Torta di patate (Cucina Bianca)

 

Maria Pia da Sanremo

 Difficoltà

medio

 Preparazione

40' + eventuale tempo di cottura

 Dosi per

6 persone

Ingredienti

patate

750 gr

uovo

1

tuma

100 gr

formaggio pecorino

qb

latte

qb

burro

una noce

sale

qb

pepe

qb

Per preparare la torta di patate della Cucina Bianca, come si definisce la cucina di questa zona, bisogna fare bollire circa 750 grammi di patate con la buccia.

Una volta cotte occorre sbucciarle, schiacciarle con lo schiacciapatate e preparare una purea con l’aggiunta di un uovo (che è facoltativo, ad esempio a Corte (IM) mi è stato detto, non mettono), di un po’ di formaggio pecorino grattugiato, circa 100 grammi di tuma, un po’ di latte (o crema di latte), una noce di burro, sale e pepe (a Piaggia mettono anche del porro a rondelle, la parte bianca, cotta precedentemente con un pò burro o olio).

Bisogna mescolare e amalgamare bene il tutto.

Nel frattempo con il mattarello preparare due sfoglie molto sottili con farina, acqua, sale ed olio. Stendere la prima sfoglia in una teglia unta di olio e versarvi la purea. Ricoprire con la seconda sfoglia e arrotolare verso l’interno della teglia i bordi eccedenti formando un cordone.

Ungere, praticare nella torta alcuni forellini con una forchetta cuocere nel forno ben caldo per circa 45 minuti servire calda o tiepida.

Una variante è quella di fare una sfoglia sola, abbastanza grande da rivoltarla un po' sulla purea di patate cosicchè la parte centrale si gratinerà.



Per la sfoglia:
. 350 gr di farina
. 1 bicchiere di olio evo (io ne metto circa 50-60 ml)
. 1 cucchiaino di sale
. acqua tiepida q.b.

Mettere la farina sulla spianatoia facendo la classica fontana, all’interno della quale porre l’olio, il sale e tanta acqua tiepida necessaria per ottenere un impasto mobido ed elastico, che lasceremo riposare mentre prepareremo il ripieno. Io lo divido già in due palline, una più grossa dell’altra.



© Copyright • Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale dell'opera che rimane di proprietà del Centro Stampa Offset sas [imperia]