puls torna su

Le ricette della pagina sono state inviate dagli utenti che utilizzano Rivieraeventi.it; inviateci una ricetta "tipica della nonna" e del territorio ligure e una vostra foto al nostro indirizzo: eventi@rivieraeventi.it e la troverete pubblicata entro 7 giorni

Pane La Carpasina

Il pane della Valle Argentina

La Carpasina è storicamente un pane destinato all’alimentazione dei pastori, poiché non necessitava di farina di frumento (all’epoca il grano era difficile da reperire e molto costoso), garantiva delle eccellenti proprietà nutrizionali e poteva essere conservato molto a lungo.

La zona di produzione è tra Carpasio e Badalucco, in Valle Argentina (provincia di Imperia).

Farina di orzo macinata a pietra (per evitarne l’ossidazione), acqua e lievito: ingredienti semplici che danno origine ad un pane biscottato, dalla consistenza croccante e dal caratteristico colore dorato.

La sua preparazione tradizionale ha il carattere quasi di un rituale: una volta impastati gli ingredienti, si lascia a riposo il pane per qualche ora (coperto con la stessa farina d’orzo), quindi lo si lavora a lungo per poi andare a formare delle lunghe pagnotte da cui si ricavano delle fette con l’aiuto di un filo di spago, avendo cura di non toccarle con le mani; la cottura avviene in forno non troppo caldo, circa un’ora per parte.


Fonte: www.passionepane.it

La Carpasina è storicamente un pane destinato all’alimentazione dei pastori, poiché non necessitava di farina di frumento (all’epoca il grano era difficile da reperire e molto costoso), garantiva delle eccellenti proprietà nutrizionali e poteva essere conservato molto a lungo. La zona di produzione è tra Carpasio e Badalucco, in Valle Argentina (provincia di Imperia). Farina di orzo macinata a pietra (per evitarne l’ossidazione), acqua e lievito: ingredienti semplici che danno origine ad un pane biscottato, dalla consistenza croccante e dal caratteristico colore dorato. La sua preparazione tradizionale ha il carattere quasi di un rituale: una volta impastati gli ingredienti, si lascia a riposo il pane per qualche ora (coperto con la stessa farina d’orzo), quindi lo si lavora a lungo per poi andare a formare delle lunghe pagnotte da cui si ricavano delle fette con l’aiuto di un filo di spago, avendo cura di non toccarle con le mani; la cottura avviene in forno non troppo caldo, circa un’ora per parte. Fonte: www.passionepane.it